Manfrotto Pixi: il treppiede compatto da portare sempre con noi

235 views

Tra gli accessori più utili ed essenziali per noi fotografi spunta sicuramente il treppiede, un oggetto incline a soddisfare numerosi impieghi con però un maggior riguardo verso coloro che scattano in condizioni di luce pessima. Questo accessorio presenta però dei problemi che sono l’ingombro e il peso che potrebbero risultare essere un impedimento in alcune situazioni. Per questo oggi vi parlo del Manfrotto Pixi: un treppiede compatto che entra facilmente nella nostra borsa.


Manfrotto Pixi

Sono sicuro che sarà capitato anche a voi di trovarvi in una situazione per cui un treppiede sarebbe stato molto utile. Tali situazioni sono però, nella maggior parte delle volte, casuali: veniamo attratti da un soggetto o da un ambiente che mai prima avevamo visto e che quindi ci trova impreparati.

In questi casi un treppiede compatto e leggero, che entra tranquillamente nelle nostre borse, può risultare veramente utile. Il Manfrotto Pixi riesce a soddisfare pienamente questi parametri, dimostrandosi essere anche un prodotto resistente e dal design accattivante.

Appena preso in mano si notano fin da subito gli ottimi materiali di costruzione (alluminio a tecnopolimero) e il suo peso di soli 190g. Il più grande vantaggio di questo oggetto sono le sue dimensioni da chiuso che ci permettono di poterlo inserire tranquillamente nei nostri zaini e borse (18cm). Questa sua caratteristica può essere però anche uno svantaggio per chi ha intenzione di utilizzare il treppiede con macchine e obiettivi pesanti ed ingombranti, infatti il prodotto sembra più che altro destinato a Mirrorless o Reflex leggere.

Perché scegliere il Manfrotto Pixi?

Per chi ha già un treppiede professionale il Manfrotto Pixi potrebbe rappresentare il completamento del proprio corredo. La sua versatilità e leggerezza lo rendono un prodotto da avere ed utilizzare giornalmente.

Personalmente ho trovato nel Manfrotto Pixi il compagno ideale per moltissime situazioni. Non uso spesso il treppiede ma devo ammettere che ci sono dei momenti in cui è essenziale ed utile al nostro scopo.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Precedente storia

Ombra e Luce: due ottimi punti di inizio per una fotografia di strada

Prossima storia

Eugène Atget: tra surrealismo e quotidianità

Gli ultimi da