Libri fotografici: quale conviene comprare e perchè

Libri fotografici: quale conviene comprare e perchè

186 views

Finalmente si ritorna a scrivere. Dopo 10 giorni di vacanza in terra straniera torno nella mia confort zone cercando di riprendere i miei ritmi perduti. Oggi tratterò un argomento che mi sta molto a cuore, un argomento che ogni giorno tocca moltissimi fotografi e che crea, più di una volta, qualche indecisione. Quali libri fotografici conviene comprare e perché?


Tra monografie, libri di teoria e diari: cosa fa per noi?

Quando parlo di libri di fotografia intendo un’ampia scelta di volumi che trattano i temi più disparati di questa importantissima disciplina artistica. Quindi dentro a questa cerchia spuntano, insieme agli ormai “classici” libri di teoria, anche i diari di importanti autori e le loro monografie.

Street Photography ed Immagine Poetica, Alex Webb
Street Photography ed Immagine Poetica, Alex Webb

Esistono delle differenze tra queste tipologie di libri ma un’unica finalità: offrire una diversa visione della realtà in chi osserva o studia questi testi, con anche la possibilità di poter influenzare positivamente, o negativamente, i nostri lavori futuri. Sicuramente una finalità che di per sé ha molta importanza e già solo così descrive adeguatamente il ruolo che possono avere questi “oggetti” nella nostra vita.

Tolta questa analisi prettamente filosofica ecco le principali differenze tra questi testi:

Monografia

Le monografie sono dei volumi che contengono, nella maggior parte delle volte, solo immagini con piccolissime parti di testo. Un tipologia di libri che permette di poter entrare a contatto intimamente con un progetto di un’artista in particolare, o semplicemente godere di immagini che ben descrivono una certa visione dell’insieme umano e vitale.

Josef Koudelka, Exiles
Josef Koudelka, Exiles

Le monografie sono importantissime per ogni fotografo, esse ci completano e ci danno modo di poter assaporare completamente dell’essenza stessa della fotografia. Opere di questo genere devono far parte della nostra biblioteca personale e devono essere varie, indipendentemente dal genere che pratichiamo o apprezziamo.

Libri di teoria

I “classici” libri di teoria sono fondamentali per chi inizia ad avvicinarsi al mondo della fotografia. Ne esistono un numero veramente altissimo e moltissimi fotografi, più o meno famosi, ogni anno ne scrivono uno su un determinato genere fotografico. Ovviamente non tutti sono di qualità, per questo motivo è molto difficile muoversi all’interno di questo circuito però, se si trovano quelli giusti, si ha la possibilità di poter crescere fotograficamente ed intellettualmente.


Uno tra gli autori che posso consigliarvi da questo punto di vista è Michael Freeman (introdotto dall’articolo sulla composizione), un fotografo che ha costruito una buona scelta di volumi che inglobano argomenti sia per i principianti alle prime armi, sia i professionisti già dentro questo mondo da tanti anni.

Diari fotografici

I diari potrebbero essere una scelta alquanto difficile da concepire, la prima domanda che mi viene in mente è il perché dovrei interessarmi della vita di un’artista. La risposta è molto semplice: conoscere il come un particolare personaggio è arrivato al culmine di una carriera artistica importante ci dà speranza, ma soprattutto ci fa maggiormente apprezzare le sue opere.

L’immaginario dal vero, Bresson

Con i diari sappiamo in che condizioni furono scattate certe immagini, ma soprattutto conosciamo cosa pensavano e provavano quegli autori in quel particolare momento della loro vita. Una tipologia di testo che ci fa entrare “prepotentemente” nella quotidianità dell’artista che scopriamo essere anche egli un umano come noi, e quindi soggetto a pressioni morali e fisiche.

Non posso così non consigliarvi la lettura del diario di Robert Capa, libro che contiene gran parte della sua idea di fotografia e della sua stessa anima (link acquisto qui).

Come capire quale sia la tipologia di libro che fa per me?

Per concludere, ogni tipologia di libro è importante e può aiutarci a crescere e a migliorare fotograficamente ed umanamente. Quello che posso consigliarvi è di acquistare quello che maggiormente vi incuriosisce, limitando se potete i libri di teoria, e puntando maggiormente alle monografie e ai diari che riescono a farci ragionare più minuziosamente sulla realtà che ci circonda.


E mi raccomando, dopo aver letto e osservato le immagini uscite a scattare, solo così potrete mettere in pratica tutto quello che avrete imparato e “vissuto”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Per le strade di Catania: tra architetture e mercati storici
Precedente storia

Per le strade di Catania: tra architetture e mercati storici

Cartelloni pubblicitari: come sfruttarli per le nostre fotografie di strada
Prossima storia

Cartelloni pubblicitari: come sfruttarli per le nostre fotografie di strada

Gli ultimi da