Le famose e curiose cornici nere della Magnum Photos
© Elliot Erwitt

Le famose e curiose cornici nere della Magnum Photos

249 views

Conosciamo tutti bene la Magnum Photos, quella importante agenzia fotografica, fondata nel 1947, che ha cambiato considerevolmente il mondo della fotografia professionale. Tutti la lodiamo e tutti ne conosciamo ogni minimo dettaglio, anche se, ancora per molti, rimane un mistero la reale importanza delle cornici nere intorno alle immagini dei fotografi accreditati. A cosa servono? Semplice estetica, o si nasconde dietro un motivo lecito?

Il motivo delle cornici nere della Magnum Photos

Pensiamo un attimo alle reali motivazioni che hanno portato Henri Cartier-Bresson, Robert Capa, David Seymour, ecc.. nel 1947, a fondare la prestigiosa agenzia fotografia in questione. Al centro di tutto c’era l’intento di voler dare maggior riguardo ai fotografi professionisti, coloro che ogni giorno rischiavano la vita sui campi di battaglia per portare alla luce eventi e contesti cruciali per la storia dell’umanità.

David Seymour Magnum Photos
© David Seymour

In quel periodo, i mezzi più veloci di diffusione delle immagini, erano i giornali e le riviste di settore, due universi che sfruttavano le fotografie di grandi e piccoli autori per accompagnare testi e inchieste di diverso livello. Per motivi di impaginazione, o per “cattive” abitudini, capitava spessissimo che molte immagini venissero ritagliate, andando così a distruggere gran parte del valore emotivo e descrittivo della fotografia.

Questa procedura non era vista di buon occhio da tanti artisti che si ritrovarono a dover combattere legalmente contro queste riviste che mistificavano ed invertivano i toni dell’immagine a proprio piacimento. In questa confusione mediatica, la Magnum Photos trovò così uno stratagemma infallibile: aggiungere una cornice nera intorno alle foto in modo da rendere evidente qualsiasi ritaglio o modifica dello scatto.

Rene Burri Magnum Photos
© Rene Burri

Con questa piccola ma importante trovata, l’agenzia fotografica garantì maggior sicurezza ai suoi fotografi, proteggendo così il diritto d’autore. Per la prima volta nella loro carriera potevano vedere le proprie creazioni come le avevano immaginate a priori senza che nessuno potesse violarle. La fotografia si mostrava in tutta la sua integrità anche grazie al fatto stesso che non veniva quasi mai accompagnata da didascalie particolari (Magnum Photos si prendeva il compito di visionare anche questo dato). Oggi questa procedura viene apportata solo per progetti ben specifici oppure sotto richiesta dello stesso artista.

Fonte: Magnum Photos Agency

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Precedente storia

Ecco perché non dovresti riprendere i soggetti di schiena!

I migliori scatti della settimana dei lettori del blog!
Prossima storia

I migliori scatti della settimana dei lettori del blog!

Gli ultimi da