Aspetta prima di pubblicare le tue fotografie di strada!

343 views

Quando scattiamo le nostre fotografie di strada è molto facile farsi prendere dalla mano e dalla voglia di pubblicare immediatamente le nostre creazioni. Questo processo, esasperato dall’influenza dei social network nella nostra vita privata, ci porta a condividere velocemente qualsivoglia fotografia senza però dare il giusto riguardo ad essa. Ma allora, è giusto forse aspettare?

Ecco perché aspettare prima di pubblicare le nostre fotografie di strada

Aspettare, rivedere e successivamente pubblicare: dovrebbe essere questo il processo da seguire prima di dare in pasto le nostre immagini ai social network. Come sappiamo però questo non viene propriamente seguito dalla maggior parte dei fotografi di strada che, in preda al loro atto “predatorio”, mettono subitamente in mostra le loro fotografie, cercando di ricevere più consensi possibili nelle più importanti piattaforme di condivisione disponibili sul mercato.

Gianluca De Dominici Fotografia di Strada
© Gianluca De Dominici

Questa scelta, che nasconde tanti aspetti legati alla “malattia” della condivisione di ogni parte della nostra vita, presenta però della problematiche che possono ledere il valore delle nostre immagini e della nostra capacità di saper osservare il mondo. Pubblicare senza prima guardare con attenzione cosa abbiamo prodotto evidenzia un enorme incapacità di saper riconoscere cosa effettivamente possa essere valido o meno per la nostra crescita fotografica.

Comportandoci così non facciamo altro che alimentare l’enorme diluvio di immagini che già ci sta affogando e che prima o poi renderà il ruolo del fotografo ancor più secondario e marginale. Aspettare e riguardare le proprie fotografie dopo ore, se non giorni, deve assumere un valore fondamentale tanto da dover diventare prassi ogniqualvolta torniamo dalla nostra sessione di scatti. I benefici di questa procedura sono molteplici, ma forse solo uno è davvero quello che può ribaltare le carte in tavola: la maggior consapevolezza del valore dello scatto.

Maggior consapevolezza del valore dello scatto: impariamo a dare voce alle immagini!

L’aver maggior consapevolezza dello scatto, e delle sue finalità, potrebbe essere il punto fondamentale del nostro discorso. Si sa, quando scattiamo, le emozioni e il nostro umore influenzano una prima analisi dei nostri scatti facendoceli molte volte sopravalutare o sottovalutare.

Gianluca De Dominici Fotografie di Strada
© Gianluca De Dominici

Sarà capitato anche a voi di immortalare un momento e di dire subito dopo quanto fosse stata geniale quella vostra intuizione per poi tornare a casa e rimanere delusi dopo la visione dello scatto sullo schermo del vostro computer. Questo perché l’immersione in quel preciso istante vi ha influenzato facendovi credere di star producendo una vera e propria opera d’arte.

Nel mondo della fotografia di strada questo accade spesso e ovviamente il disagio e la delusione aumentano se quella stessa immagine viene condivisa sui social senza ricevere molte attenzioni. Per evitare allora di andare incontro a questo problema, bisogna aspettare e riguardare le immagini dopo molte ore o giorni per poter analizzare, in maniera più oggettiva e distaccata, quel momento che sembra assumere tutt’altro valore o significato rispetto a prima.

Gianluca De Dominici Fotografie di Strada
© Gianluca De Dominici

Mi capita frequentemente di riprendere scatti realizzati tempo fa vedendo sempre un qualcosa di nuovo o di non precedentemente preso in analisi. Eppure l’immagine è rimasta invariata, il soggetto non si è mosso ma il mio modo di vedere ed analizzare l’opera è cambiato permettendomi di darle nuova luce e vitalità. E allora forse fermarsi per qualche momento da questa frenesia dello scatto veloce e della pubblicazione immediata può beneficiare alle nostre immagini e ridurre drasticamente tutta quella “spazzatura” visiva che ogni giorno riempie i canali di fotografia digitale.

Cosa possiamo fare per cambiare la situazione?

Aspettate e valutate, non sempre più immagini è sinonimo di qualità! Imbracciate la vostra fotocamera digitale, godetevi i momenti e date spazio e tempo alle vostre sensazioni. Solo così potrete realizzare e mostrare quello che veramente vi appartiene.

Gianluca De Dominici Fotografie di Strada
© Gianluca De Dominici

Il mondo è ai nostri piedi e la fotografia ci viene incontro, ma non per questo dobbiamo dimenticarci che ormai viviamo di immagini e, venirne bombardati giornalmente, dovrebbe farci pensare al valore delle nostre fotografie. Prima di condividere i vostri scatti pensateci!

2 Comments

  1. Una disanima sacrosanta, questa. L’avevo già presa in considerazione navigando in questa community, ma l’ho fatta mia leggendo di Vivian Maier. La sua storia mi ha colpito come un pugno nello stomaco, e scoprire che la maggior parte della sua produzione le è rimasta sconosciuta mi ha fatto riflettere.
    Da quando l’ho messa in pratica, il valore ed il rapporto con le mie foto sta cambiando, proprio come scritto in questo articolo. Scaturisce un rapporto simbiotico, viscerale.
    Per lo sviluppo attendo il momento giusto, che può arrivare dopo settimane o mesi, dipende da vari fattori. Intanto loro sono lì ad attendermi, come un buon vino d’annata.
    Grazie per i tuoi articoli.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

I migliori scatti della settimana dei lettori del blog!
Precedente storia

I migliori scatti della settimana dei lettori del blog!

I migliori scatti della settimana dei lettori del blog!
Prossima storia

I migliori scatti della settimana dei lettori del blog!

Gli ultimi da